Social Business Initiative: il punto
0 commenti 9 dicembre 2011

Passo dopo passo l’Unione Europea si muove per cercare di individuare delle politiche economiche a favore dell’imprenditoria sociale. Nella sezione Iris Files del nostro sito stiamo cercando di “collezionare” un archivio di documenti sulla Social Business Initiative della Commissione Europea, utili a comprendere i movimenti in atto. Consultali costantemente per ulteriori aggiornamenti.

UN BREVE RIASSUNTO

25 ottobre 2011. Social Business Initiative
La Commissione Europea licenzia una comunicazione dove evidenzia misure e provvedimenti necessari al supporto dell’impresa sociale. La SBI si pone questi principali obiettivi: aiutare lo sviluppo del settore promuovendo la responsabilità sociale d’impresa, in modo che le aziende possano partecipare sempre più attivamente alla creazione di benessere sociale; incoraggiare la trasparenza e la sostenibilità del business delle multinazionali; semplificare le norme contabili per le piccole e medie imprese.

18 novembre 2011. Bruxelles – Conferenza “Social Economy and Social Business: together to create new growth”
Si è tenuta a Bruxelles la conferenza internazionale “Together to create new growth. Social entrepreneurship & social economy: developing a European ecosystem to unlock social innovation, growth and jobs”. Una conferenza di presentazione e discussione delle proposte della Commissione Europea per la Social Business Initiative. Presenti, tra gli altri, il presidente della Commissione Europea Josè Manuel Barroso, László Andor, commissario per l’occupazione, lo sviluppo sociale e l’inclusione, e Muhammad Yunus.

7 dicembre 2011. Social Entrepreneuship Funds
La Commissione Europea presenta una proposta di regolamento per creare un mercato per i fondi di investimento in imprese sociali. Nelle parole del commissario Barnier, le imprese sociali, nonostante i contributi pubblici, dipendono fortemente da finanziamenti privati che operano tramite fondi di investimento destinati specificatamente alle imprese a carattere sociale. finanziamenti che sono ancora troppo rari e difficili da individuare. La Commissione propone quindi l’introduzione di un marchio UE, legato al “Fondo europeo per l’imprenditoria sociale” che permetterà agli investitori di reperire più facilmente i fondi specializzati nel finanziamento di imprese europee a carattere sociale.

EURICSE. La Social Business Initiative è il risultato di un processo iniziato a febbraio 2010, realizzato sotto la guida di Tajani unitamente al commissario Barnier, al quale ha partecipato attivamente anche Euricse. Su iniziativa del professor Borzaga, Euricse aveva infatti lanciato un appello intitolato “Dalle parole ai fatti: sostenere le imprese cooperative e sociali per un’Europa più inclusiva, sostenibile e prospera”, un documento sottoscritto da più di 400 studiosi europei dove si incoraggiava la Commissione a fare di più per il settore. Successivamente Euricse ha portato avanti il dialogo con la Commissione e ha collaborato attivamente al processo.

EMES. Come rete europea di ricerca di riferimento nel settore dell’impresa sociale, EMES, alla vigilia del Conferenza del 18 novembre scorso ha presentato un position paper in risposta alla comunicazione della Commissione Europea sulla Social Business Initiative, con lo scopo di esporre la posizione collettiva di EMES, raccogliendo l’esperienza e le opinioni degli studiosi di riferimento nel settore dell’impresa

Nella sezione NEWS puoi ripercorrere i nostri post su questo tema:

commenti