Terzo settore e impresa sociale
0 commenti 4 maggio 2012

Il tema non è nuovo. Anzi si può sostenere senza tema di smentita che il terzo settore ha storicamente rappresentato il principale bacino dell’imprenditoria sociale, in Italia e all’estero. Non solo per numero di imprese generate da organizzazioni di volontariato, associazioni, fondazioni fino a gruppi informali che secondo alcuni studiosi si configurano come un quarto settore. Più in generale questo comparto ha contribuito a forgiare l’identità di questa forma d’impresa, in un’epoca in cui non si riconosceva spazio (di senso prima che di mercato) a organizzazioni produttive finalizzate a massimizzare l’interesse generale di comunità e di gruppi sociali spesso in condizioni di svantaggio e di marginalità. D’altro canto è innegabile che negli ultimi anni il pendolo dell’imprenditoria sociale si è progressivamente spostato dal terzo settore al mondo dell’economia in generale, “complice” l’emergere, prima in sordina e poi in modo sempre più evidente, del paradigma dell’innovazione sociale. In un quadro conoscitivo e di policy molto più ampio e sfaccettato rispetto alle origini, il terzo settore è chiamato a riposizionarsi, aggiornando il proprio approccio all’impresa sociale e mettendo a valore gli elementi di esperienza maturati in decenni di sperimentazione. Questo compito, tutt’altro che semplice, vede certamente in prima linea la cooperazione sociale – la forma più compiuta di impresa sociale – ma chiama in causa anche le altre espressioni del terzo settore. Da questo punto di vista si nota soprattutto la presenza di startup di imprenditoria sociale promosse da soggetti di terzo settore diversi dalla cooperazione sociale in svariati campi: il turismo, la produzione culturale, la formazione professionale, ecc. D’altro canto segnali recenti denotano anche l’emegere di una nuova strategia, come riportano le cronache dall’assemblea nazionale delle Acli in corso di svolgimento. Sarà interessante verificare anche all’interno degli eventi della rete Iris – il Colloquio scientifico e, a settembre, il nuovo Workshop sull’impresa sociale – se l’imprenditoria sociale nel terzo settore stia effettivamente conoscendo un nuovo rinascimento.

commenti