Nuovo sito, vecchia rete?
0 commenti 11 febbraio 2015

Siti internet, aree riservate, profili social svolgono sempre meno la funzione di vetrina di attività e sono sempre più veicoli che plasmano l’identità e la conformazione organizzativa di enti e istituzioni, soprattutto se si tratta di reti, proprio come Iris Network. Il nuovo sito non è disegnato per restituire semplicemente “lo stato dell’arte” del nostro network, ma rappresenta piuttosto una sfida per esso, sia per la sua coesione interna, che per la capacità di dialogare e scambiare con i molteplici attori che intercettano l’impresa sociale dai più svariati punti di ingresso. La principale novità, da questo punto di vista, è la sezione “risorse” che consiste in un open database all’interno del quale è raccolto e classificato lo storico del Network: dagli oltre 300 paper scientifici presentate nelle varie edizioni del Colloquio scientifico, alle circa 150 buone pratiche innovative di impresa sociale raccolte nelle ultime cinque edizioni del Workshop di Riva del Garda.

Un patrimonio importante che va non solo preservato ma arricchito, anche grazie a nuovi strumenti come la rivista Impresa Sociale, anch’essa valorizzata da supporti come short paper, documenti di policy e naturalmente saggi. Così come le news legate ad eventi, attività formative, seminari ed altre iniziative promosse in particolare dai membri della rete.

Il sito alza quindi l’asticella chiedendo a Iris Network un salto di qualità. Sia per incrementare la qualità di una ricerca che, soprattutto negli ultimi anni, ha mostrato alcuni limiti nel leggere le trasformazioni epocali in atto, sia come piattaforma di attori variamente interessati a promuovere e divulgare conoscenza sull’impresa sociale, soprattutto delle sue realizzazioni più innovative. “Una comunità di ricercatori, imprenditori e innovatori sociali, policy maker” che, curiosamente, intitola una ambiziosa call del programma Horizon 2020 e che può essere presa come unità di misura per valutare quanto è stato fatto, ma soprattutto quanto resta da fare.

laufende menschen

commenti