Impresa sociale e “buona” occupazione: una biodiversità da tutelare
0 commenti 8 gennaio 2016

E’ da oggi disponibile un nuovo contributo sulla rivista Impresa Sociale, con il saggio breve di Licia Allegretta (Università Cattolica di Milano) e Barbara Barabaschi (Università Cattolica di Piacenza) dal titolo L’impresa sociale al servizio della buona occupazione: una biodiversità da tutelare. Una riflessione sugli impatti occupazionali di buone pratiche di imprenditoria e innovazione sociale a livello italiano ed europeo.

Negli ultimi anni l’impatto congiunturale sui livelli occupazionali e sulle politiche di welfare ha focalizzato l’attenzione sulla creazione di occupazione dignitosa e di qualità – in contrapposizione ai bad jobs con scarse tutele e opportunità in termini di guadagno e crescita professionale – secondo la definizione di decent work promossa dall’ILO e in accordo con le strategie EU sull’occupazione. Le politiche comunitarie e nazionali riconoscono l’impresa sociale tra le forme organizzative più “funzionali” alla promozione di “buona” occupazione e i suoi tratti caratterizzanti (modello organizzativo, cultura del lavoro etc.) contribuiscono a definire la sua distintività rispetto ad altre forme di imprenditorialità. Il saggio si colloca in questo ambito, con particolare riferimento al legame con il territorio, quale parte integrante del modello di intervento delle politiche per una “buona” occupazione. In una prima parte il tema viene contestualizzato a livello teorico nel più ampio dibattito della riforma dei sistemi di welfare, incline a prospettive di “investimento sociale” e welfare generativo. Il contributo presenta poi alcune esperienze di innovazione e imprenditoria sociale a sostegno dell’occupabilità, promosse da reti internazionali di innovatori sociali in collaborazione con network di attori locali (soprattutto dell’Europa meridionale), con particolare attenzione al progetto THIS WORKS di Ashoka.

Buona lettura!

mercatobis-570x330

Durata Lot1, YellowOffice + PIOVENEFABI

Tutte le immagini del numero 6.2015 della rivista Impresa Sociale sono tratte da progetti realizzati dallo studio YellowOffice che ringraziamo per la collaborazione.

commenti