Nuove geografie del valore e imprese coesive
0 commenti 21 ottobre 2016

La produzione e redistribuzione del valore seguono percorsi sempre più diversi e complessi. Cambiano infatti gli attori e le modalità attraverso cui essi agiscono. Cambia, al fondo, la composizione della catena del valore e i contenuti che lo sostanziano. Una modalità che, in generale, prevede la ricombinazione di diversi fattori – economia, lavoro, ben-essere – all’interno di processi multidimensionali e di nuove forme organizzative, superando così i limiti strutturali del modello tradizionale che invece postula la separazione funzionale e istituzionale, demandando alle imprese la produzione di valore economico e allo Stato – con il supporto di fornitori non profit – quello di redistribuirlo.

Sulla rivista Impresa Sociale un nuovo saggio breve, a cura di Domenico Sturabotti (Fondazione Symbola) e Paolo Venturi (Aiccon), che aggiorna la mappa della produzione di nuove forme di “valore condiviso” in Italia, attingendo ai dati e alle esperienze dell’ultima edizione del rapporto “Coesione è competizione. Nuove geografie della produzione del valore in Italia” realizzato da Fondazione Symbola e Unioncamere.

Buona lettura!

Empty asphalt road in motion blur and sunlight with vintage tone

commenti