Attività creativa e impresa culturale: le domande di una ricerca giuridica
0 commenti 11 novembre 2016

Trovare una soluzione, dar vita a un’innovazione, costruire un’opera dell’ingegno costituiscono pratiche ugualmente creative. Ma la dimensione collettiva e sociale in cui si realizza la trasmissione di idee originali è cruciale, sotto il profilo della creazione pura così come dell’innovazione industriale. Infatti, l’attitudine creativa – artistica o meno che sia – si sprigiona e muove dal piano individuale al piano inter-imprenditoriale. Per quanto fondamentale per innescare l’innovazione, tuttavia, la creatività non basta, dato che risulta comunque necessario il filtro del mercato affinché l’imprenditore realizzi appieno le potenzialità di un’opera dell’ingegno. Giacomo Bosi (Università degli Studi di Trento) – in un nuovo saggio sulla rivista Impresa Sociale – propone una mappatura preliminare delle fasi attraverso cui si sviluppa l’attività creativa imprenditoriale – sia artigianale che industriale – allo scopo di indirizzare la ricerca sulle politiche regolative che possano incentivarne la nascita e sostenerne la crescita.

Buona lettura!

Layout1

Foto di Ilaria Di Biagio

commenti