Territori, mobilità, lavori
0 commenti 26 novembre 2017

Si terrà il 22 e 23 febbraio 2018 presso il Fisppa dell’Università degli Studi di Padova il convegno Territori, mobilità, lavori, organizzato dalla “Sezione Territorio” dell’Associazione italiana di Sociologia. La conferenza si propone di sviluppare una riflessione critica sulle trasformazioni territoriali, del lavoro e delle migrazioni nella società italiana. Si tratta di un’occasione di discussione e di confronto su prospettive teoriche, metodologiche ed empiriche con la partecipazione di studiosi di sociologia del territorio, delle migrazioni, del lavoro ed economica.

Il convegno si compone di 20 sessioni, articolate in 4 aree tematiche:

  • territori, povertà, welfare;
  • territori, mobilità, migrazioni;
  • territori, lavori, professioni;
  • trasformazioni urbane e forme del lavoro;

All’interno di ogni area si articolano le singole call for paper delle sessioni di lavoro, per la totalità delle quali rimandiamo alla pagina dedicata

 

Segnaliamo in questa sede la call for paper della sessione Lavoro e lavori, i protagonisti dell’innovazione sociale, promossa da Maurizio Busacca e Guido Borelli dell’Università IUAV di Venezia.

Sotto l’ombrello del concetto di innovazione sociale sono emersi nuovi lavori e nuove forme di organizzazione del lavoro: coworking, associazioni, startup tecnologiche a vocazione sociale, fablab, spazi rigenerati, incubatori d’impresa, living labs, spazi sociali, imprese ibride, piattaforme sociali, etc. L’elenco è lungo e in rapida espansione ma si tratta di una fenomenologia ancora largamente sotto-indagata. La sessione sollecita la presentazione di articoli teorici ed empirici che contribuiscano alla creazione di un orizzonte concettuale dell’innovazione sociale capace di comprendere – nella loro reciproca interazione – i numerosi approcci rivolti alla produzione di valore delle pratiche di innovazione sociale e gli inerenti processi di produzione/riorganizzazione dello spazio. Saranno accolti un massimo di 5 paper che, per la rilevanza dei loro contenuti, potranno contribuire a promuovere un ampio dibattito presso la comunità degli studiosi. Alcune domande che gli articoli proposti dovrebbero affrontare sono: Quali sono le forme emergenti di lavoro nel campo dell’innovazione sociale? Quali approcci teorici potrebbero favorire un avanzamento della letteratura sul tema? Quali rapporti si configurano tra razionalizzazione, professioni dell’innovazione sociale e forme della produzione? Come influenzano la vita quotidiana? Chi sono i lavoratori dell’innovazione sociale? Quali forme assumono queste pratiche nei contesti urbani? E nei contesti rurali? Quali sono i metodi di ricerca che possono aiutare a mappare, definire e concettualizzare questi nuovi lavori e a migliorare la letteratura in questo campo?

 

Tutte le call for paper scadranno il 30 novembre 2017; gli abstract, di circa 5-6000 caratteri, dovranno specificare l’argomento e la domanda di ricerca, la letteratura teorica di riferimento e le metodologie utilizzate. Buon lavoro!

commenti