I dati dell’Osservatorio Isnet 2015 sulle imprese sociali
0 commenti 9 luglio 2015

Si è svolta questa mattina a Roma, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, la presentazione di un’anteprima del IX Rapporto dell’Osservatorio Isnet sull’impresa sociale in Italia. Il Panel Isnet, nato nel 2007, è composto da circa 500 imprese sociali (cooperative sociali, imprese sociali ex lege e consorzi di cooperative sociali) rappresentative della popolazione statistica nazionale, stratificate per distribuzione territoriale e tipologia.

Le indagini sul panel sono in grado di offrire serie storiche sui principali indicatori per l’impresa sociale (andamento, sentiment, reti, propensione all’innovazione e investimento etc). L’edizione 2015 ha indagato inoltre la conoscenza, da parte delle imprese sociali, dei processi di riforma normativa in atto. Laura Bongiovanni, presidente dell’Associazione Isnet, ha così sintetizzato i principali risultati [è possibile rivedere la presentazione e discussione].


Andamento economico
Guardando la serie storica dal 2007 ad oggi sono più che raddoppiate le imprese sociali in difficoltà e dimezzate le imprese sociali con dato economico in crescita; risultato che non stupisce, in quanto anche queste imprese hanno risentito delle mutate condizioni dei mercati. Concentrandosi però sugli ultimi 3 anni (comprese le previsioni di sentiment sull’anno in corso) sono progressivamente aumentate le imprese sociali che dichiarano un andamento in crescita e progressivamente diminuite quelle con trend di difficoltà. Dato che informa sulla “tenuta” del settore, che regge alla crisi ed è al contempo in grado di preservare i livelli di occupazione.


Capacità relazionale e performance economica
La tenuta del settore si misura anche grazie alla capacità relazione, diversificando reti, relazioni, stakeholder, partner e target di riferimento. I principali investimenti relazionali si sono centrati su imprese profit e altre organizzazioni nonprofit.


Investimenti
Nell’ultimo anno più del 40% delle imprese sociali ha investito nella produzione di nuovi prodotti e servizi; più dell’80% ha investito in processi di ri-organizzazione interna. Nel prossimo futuro (anno in corso) il 30% delle imprese sociali prevede nuovi investimenti. La propensione all’investimento risulta sostenuta soprattutto da finanzamenti bancari e autofinanziamenti.


Riforma terzo settore
L’indagine ha interrogato il panel di imprese sociali sul livello di conoscenza del dibattito sulla riforma del terzo settore (in questo periodo in discussione al Senato). Più dell’80% delle organizzazioni intervistate ha detto di conoscere e seguire il dibattito; in particolare, tra le imprese sociali ex lege, le organizzazioni più attente al tema sembrano essere fondazioni, associazioni e cooperative sociali, quello meno interessate scuole e srl. Sui temi a dibattito, si rileva un generale accordo sul disegno di legge delega, con due elementi di criticità: la possibilità di distribuzione degli utili e la possibilità che le cariche all’interno di un’impresa sociale siano svolte da imprese profit e amministrazioni pubbliche.


Impatto sociale

Alla domanda “pensate che la vostra organizzazione generi un impatto sociale positivo sul territorio dove operate” più dell’80% delle imprese sociali ha risposto favorevolmente. Gli indicatori che sembrano sostenere questa convinzione, nella risposte degli intervistati, coincidono nella maggior parte dei casi con il numero di persone svantaggiate inserite (nel caso delle cooperative sociali di tipo B) e il numero di utenti assistiti (nel caso delle cooperative sociali di tipo A). Laura Bongiovanni esorta quindi il settore ad “attrezzarsi” di un’ulteriore set di indicatori (anche solo qualitativi) che possano meglio render conto dell’impatto.

 

Qui la sintesi del Rapporto

 

Dati sulla dinamicità delle imprese sociali [“Complessivamente, in questo ultimo anno, lei vede la sua organizzazione…”]

imm2


Dati di consenso, secondo le imprese sociali del panel, su alcuni punti in discussione nel disegno di legge delega di riforma del terzo settore

imm1

commenti